Questo sito usa cookie per fini tecnici e per raccogliere dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, secondo le norme previste dalla legge. Cliccando su Accetto o proseguendo nella navigazione accetti il servizio e gli stessi cookie.
Maggiori informazioni     
Corsi di formazione .it - Offerta pubblicazione corsi e  master 2017
Corsi di formazione .it - Corsi e Master 2017
RICERCA CORSI E MASTER

Corso C254 LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI a Roma

Sede da definirsi
2 giorni - Data da definirsi

DESCRIZIONE

“La riforma del Mibactè un cambiamento profondo, in linea con le importanti riforme che gli italiani si aspettano da questo Governo. Una importante e necessaria riorganizzazione che supera la contrapposizione ideologica tra tutela e valorizzazione e permette di investire nel settore della cultura e del turismo come fattore trainante della ripresa economica del Paese”. Con queste parole Dario Franceschini, ministro dei Beni culturali, ha dato avvio a partire dal 2014 alla profonda riforma, non ancora conclusa, del sistema culturale italiano.

Scopo del seminario è quello di analizzare gli indirizzi politici dati allagovernancedel Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismoe la riorganizzazione del dicastero alla luce della “riforma Franceschini” e dei nuovi indirizzi (d.l. 31/5/14, n. 83 convertito in l. 29/7/14, n. 106, d.m. 44 del 23/1/2016, ecc.).

Il corso è articolato in due parti: la prima è dedicata all’esame della normativa inerente i beni culturali, con approfondimento della “riforma Franceschini” e delle ultime circolari, con le sue novità in fatto di tutela e valorizzazione e di riorganizzazione degli uffici centrali e periferici del Mibact: dalla separazione del territorio dalle raccolte museali, all’idea che la cultura debba anche produrre profitto economico, pur relazionandosi con i principi fondamentali della Costituzione e con quanto scritto all’articolo 9: «La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico artistico della Nazione». Verranno anche analizzate le considerazioni di associazioni, Università, istituzioni che a vario titolo si sono espresse sulla riforma. La seconda parte del corso si propone di approfondire la specificità e peculiarità dei beni culturali dopo la normativa più recente, con l’obiettivo di segnalare soluzioni operative e fornire conoscenze, strumenti, tecniche, orientamenti, per consentire agli operatori culturali di appropriarsi di mezzi idonei per gestire la cultura nella sua più ampia accezione.

DESTINATARI

Operatori culturali, in formazione o attività, liberi professionisti (architetti, archeologi, storici dell’arte, conservatori, restauratori, guide turistiche, giornalisti, artisti), dipendenti di strutture-contenitori di beni culturali (Soprintendenze, musei, fondazioni, associazioni, biblioteche, archivi, uffici mostre, uffici eventi artistici, uffici stampa) in ambito nazionale e locale, a vari livelli di responsabilità.

DURATA 2 giorni

ORARIO 9-13/14-16

PROGRAMMA

Definizione di Bene culturale.

Anamnesi legislativa dei beni culturali dalle origini ad oggi. La“riforma Franceschini”: le nuove direzioni generali Archeologia, belle arti e paesaggio, Educazione e ricerca, Arte e architettura contemporanee e periferie urbane; gli Uffici centrali e periferici; gli Istituti autonomi; le Soprintendenze uniche; le Soprintendenze speciali del Colosseo e Pompei; le Soprintendenze archivistiche e bibliografiche; i Poli regionali museali; la selezione pubblica per i direttori dei Musei italiani. Le “voci” di associazioni, università, istituzioni che si sono espresse a vario titolo sulla riforma. I palazzi del Mibact: il Collegio Romano e il San Michele a Ripa Grande in Trastevere.

Integrazione tra cultura e turismo. Gli aspetti manageriali della gestione e del turismo: il turismo culturale; la privatizzazione responsabile e proficua per lo Stato al fine di allineare l’Italia agli altri Paesi europei nella condotta del marketing turistico transazionale.

Management dei beni culturali: collaborazione fra pubblico e privato e valorizzazione del non profit e di tutte le forme miste di gestione; le agevolazioni fiscali (c.d. Art Bonus) che prevede la deducibilità del 65% delle donazioni devolute per il restauro di beni culturali pubblici; le biblioteche e gli archivi; gli investimenti dei teatri pubblici e delle fondazioni lirico-sinfoniche; i servizi di e-government attivi e di futura attivazione. I bandi di concorso per assumere professionisti del patrimonio culturale. La Capitale italiana della Cultura. le domeniche gratuite e il record di ingressi nei musei statali. La ricostruzione del patrimonio culturale italiano gravemente danneggiato dai terremoti che hanno devastato il Centro Italia; l’impegno per la rinascita di Pompei e della Reggia di Caserta; la richiesta di spazi per mostre; le e opere d’arte in comodato d’uso. Disamina di casi concreti di gestione amministrativa, tecnica e di restauro di beni culturali. Visita guidata al Museo nazionale romano Terme di Diocleziano.

NOTE

RELATORE Prof. Arch. Roberto LUCIANI Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo



Copyright "CEIDA"

Segnala questo corso ad un amico indicando il suo l'indirizzo di posta elettronica.
Il tuo nome:
Il tuo cognome:
Il tuo indirizzo E-mail:
Indirizzo E-mail del tuo amico:
Codice di sicurezza:
Inserisci il codice raffigurato nell'immagine:

Richiedi Informazioni

Compila questo modulo per richiedere maggiori informazioni via e-mail
Codice di sicurezza:
   Inserisci il codice raffigurato nell'immagine:
 
(*) campi obbligatori

OPERATORI - CENTRI DI FORMAZIONE - UNIVERSITA' - SOCIETA' DI CONSULENZA

UNINFORM GROUP

E' una Scuola di Alta Formazione Manageriale, con esperienza ventennale, specializzata nel progettare e realizzare Master con sbocchi professionali in azienda (placement occupazionale 92%). UNINFORM è Socio ASFOR, è Accreditata alla Regione Lazio per la Formazione Superiore ed è Certificata ISO 9001 per l’ Alta Formazione Professionale Specialistica. Due i Master ad elevato Placement Occupazionale presentati:

- Master Tourism Quality Management 40^ edizione

- Master Quality - "Esperti in Sistemi di Gestione Aziendale – Qualità – Sicurezza – Ambiente – Energia” 67^ edizione

DOMINO

Domino è una società di consulenza aziendale specializzata nel supporto di aziende che vogliono migliorare la loro gestione del personale, organizzazione e produttività.

ISTUD BUSINESS SCHOOL

La Fondazione ISTUD è oggi l'unica Business School italiana indipendente di alto profilo. In oltre 45 anni di attività più di 60.000 dirigenti e quadri, oltre a 2.600 neolaureati, hanno frequentato i suoi programmi di formazione e master e molti professionisti, operanti nel mondo della formazione e della ricerca, si sono formati all'ISTUD dagli anni settanta ad oggi.

BEMORE

La BeMore opera nell'area della Gestione e dello Sviluppo delle Risorse Umane - Formazione Manageriale, Processi di Valutazione e Selezione del Personale e della Consulenza Organizzativa.

FORMETICA

Il Consorzio Formetica, agenzia formativa dell'Associazione degli Industriali di Lucca, opera nel settore della formazione a servizio del comparto industriale dal 2002 con l'obiettivo di garantire l'aggiornamento e la specializzazione professionale del personale occupato.

AMC3

MC3 É UN AZIENDA DI FORMAZIONE A TUTTO TONDO NATA PER SVILUPPARE TALENTI E DIFFONDERE COMPETENZE E MANAGEMENT KNOWLEDGE.

Ricerca e utilizza metodologie innovative per aggiungere efficacia alle azioni formative e sviluppare energia e innovazione nel management e nelle risorse umane delle imprese.

CSAD

CSAD è un Centro di Competenze per la ricerca e lo sviluppo di modelli formativi nato nel 2002 con la finalità di raccordarsi al sistema della Istruzione Pubblica e della Formazione Professionale pugliese integrando i percorsi di costruzione delle conoscenze e delle professionalità dei professionisti, del personale d’azienda, degli imprenditori, dei giovani laureati.
CSAD è Organismo Formativo Accreditato presso la Regione Puglia.

CEGOS

Dal 1959 presente in Italia, Cegos è attiva nei campi della formazione, consulenza e recruiting. La sua mission è costruire percorsi di crescita professionali e di sviluppo delle competenze finalizzati a fornire al cliente le capacità indispensabili per il miglioramento dei risultati aziendali.